Carnevale de paese!!

 

Nun c’è niente de più pesante

che tornà ‘a sera a casa dopo ‘na giornata de lavoro devastante

e scordàte pure de riposà

perchè ar carnevale ce devi annà!!!

e tanta gente che non sa,

te dice: “ma chi te lo fà fà!?!?”

e un fondo de verità ce stà ….

…perché comunque c’è da lavorà!!

e se lavora pe davero

ner divertimento si!!…..ma non c’è niente de più serio…

perchè il lavoro è lungo e impegnativo

ma deve esse fatto tarmente bene che alla fine deve sembrà vivo!!!

 

Alle nove se ‘ncumincia a faticà

argilla, gesso e colla in quantità

ma ciò che rende ancora più vera sta realtà

è che lavori co gente de qualità!!!

 

Co gente che ar vero spirito der carnevale ce crede..

perché volente o nolente comunque è erede…

….voi dite: “erede de chi!?!?”…de ‘mpopolo de monteporziani co sane tradizioni…

..ma che sò quasi trent’anni che fanno divertì ‘nsacco de generazioni…

ce vengheno da tutti li paesi….

...ed è pe quesso che “noi” nun se semo mai arresi!!!

 

Lo famo pe noi, pe tutti, e soprattutto pe li regazzini

…lo famo perché tutto ce riporta a esse bambini…Carnevale de paese!!

 

Cristina Panzironi

 

CARNEVALANDO

 
Carnevale è una festa divertente
tutto il paese si riempie di gente.
Stelle filanti coriandoli in volo
nessun bambino si sente solo.
Passa sui trampoli un saltimbanco
passa una maschera con il viso bianco.
A piene mani pesca nel sacco
che coi coriandoli inizia l’attacco.
A carnevale nun ta devi pià male
perché ………. ogni scherzo vale!!
Se commannasse Lollilò ……….
o sai er celo come o vò ?
Sempre cor sole che splenne
e non con l’acqua …… che de solito ce prenne !!!!
Quann’escono i carri che felicità
sentisse dì : AMMAZZA SI REGAZZI CHE SANNE FA’ !!!!
Sarebbe un mondo fenomenale
se fosse sempre carnevale.
Questa è la festa che più mi piace
molti sorrisi e tantissima pace.
 
Alessio Di Giulio
 

Alla Corte dei Miracoli

 
Che sole o pioggia ci sia
Alle nove di sera scocca la magia:
Alle fontane o in cantina,
L'allegria glittera il buio di variopinta porporina.
In mezzo a un gran fermento
E a mille fogli di carta cemento,
Si fabbricano sogni in movimento;
Con acqua, farina e un gran baccano
Si prepara il collante di amicizie,
Fra i pannelli in poliuretano.
Fà scintille l'ispirazione
Come quelle che sfrigolano dai frullini;
Compie prodigi la fraterna collaborazione
E il conservar nei cuori l'incanto dei bambini.
Sfileranno rulli di tamburi, arcobaleni di colori
E la flemma in corteo dei trattori.
In inverno e in estate
Si replica lo spettacolo delle strade mascherate: in nessun altro posto a portata di mano
Va in scena l'unicità del Carnevale Monteporziano!
Certo, plasmare la fantasia
Comporta anche grandi difficoltà
E quando il tempo scivola via
C'è poco da gioca' ...
Ogni tanto una voce preoccupata:
«Ah rega', ma sto carnevale nun se fà!»
Risponde qualcun altro «E che ne so?!»
Ma subito torna l'atmosfera scanzonata
E tutti in coro a cantare "Lollilollilò" 
 
Daniela Vescovo

Quelli de Lollilò

 

Stà poesia pe fa chiarezza vò parlà de na certezza

Ve lo dico co umiltà ma è na gran bella realtà

Ormai se sà che a Montepò ce sò quelli de Lollilò

Semo ragazzi; gente che vale e organizzamo ar Carnevale

E pe me che i rappresento ne sò fiero e me ne vanto

Sia in inverno che in estate proponemo na gran festa

Co coriandoli e filanti ma soprattutto cartapesta

E’ sorto tutto come n’incanto e famo mpò che duri tanto

Se fa tutto co passione e na grande dedizione

Dentro al nostro capannone tra ‘no scherzo e na battuta è na grande confusione

Nun sò sempre rose e fiori a volte arriveno i dolori

E quanno stamo npò nei guai dimo che “ncià famo mai!”

C’è chi nun se da mai pace e dice che “manco ce piace!”

Chi assicura con fermento che chiederà “il licenziamento!”

Ognuno con i suoi difetti ma nun semo noi perfetti

C’ho però na mia opinione che esse parte de sto gruppo te regala n’emozione

Se riscopre che fa bene quel valor de stare insieme

Nun me posso poi scordà tutta a gente che ce stà

Che ce aiuta ogni momento pe fa grande questo evento

Le parole ncianno senso dico solo un GRAZIE immenso

E ae nostre mogli tutte quante prima o poi e faranno sante

I mugugni e i borbotii che li fanno lo si sà ma alla fine ce sopporteno e ce lasceno npò stà

Questa nostra Associazione nasce co ‘na convinzione

Che l’esempio de chi ci ha preceduto non andrà co noi perduto

C’hanno insegnato in qualche modo che pe sta bene basta poco

Allegria e spensieratezza portan via ogni tristezza

A vita è breve e nun po’ aspettà ‘nvale a pena statte “ancazzà”

Ridi comuque e fallo di gusto vivi ogni istante nel modo giusto!

W il Carnevale e W Lollilò

 

 

Claudio Costamagna